Cosa pubblicare su Facebook

cosa pubblicare su facebook

Ad aprile ho pubblicato questo post con alcune idee di contenuti per il tuo blog. Oggi, invece, voglio condividere con te un elenco di cose che puoi pubblicare sulla tua pagina Facebook, per facilitarti il compito quando sei alle prese con il tuo calendario editoriale e non sai cosa scrivere.

Bando alle ciance, andiamo subito al sodo.

1. Tutto quello che pubblichi sul tuo blog

Alla faticaccia che impieghi per scrivere sul blog deve pur corrispondere una ricompensa, no? Se pubblichi un post e poi non fai circolare in qualche modo questo contenuto, è difficile che le persone vengano a leggerti. Quindi: ogni volta che aggiorni il tuo blog con un nuovo post, condividilo su Facebook e sugli altri canali social che presidi.

2. Video

Hai un canale YouTube dove pubblichi video sul tuo lavoro? Vale lo stesso discorso dei post del blog: condividi quel contenuto su Facebook, così i tuoi fan abituali potranno vedere quello che racconti e quelli nuovi sapranno che fai anche video.

3. Foto

La tua attività è in continuo fermento? Stai per metterti alla scrivania per lavorare ad un nuovo progetto? Ti è arrivato il packaging di una nuova linea di prodotti? Ti sei presa mezza giornata di pausa e sei con un’amica a fare merenda?

Bene, raccontalo al tuo pubblico con uno scatto: far vedere quello che fai incuriosisce, aiuta a farti conoscere per quello che sei e avvicina le persone che si sentono in sintonia con te.

Visto che Facebook non è il social delle immagini, non preoccuparti se le foto che pubblichi non sono perfette, spesso vale di più uno scatto postato “al momento” che non un’immagine studiata e poco autentica.

4. Contenuti interessanti di altri

Hai trovato un articolo che trovi utile e pensi che possa aiutare in qualche modo i tuoi lettori? Hai visto un video che spacca e non vedi l’ora di mostrarlo a chi ti segue? Vai, condividi. L’importante è che i contenuti di altri che decidi di pubblicare sulla tua pagina siano in linea con quello che sei/fai e che abbiano un qualche valore per i tuoi fan (informare, intrattenere).

5. Citazioni

Anche se a me hanno stufato, pubblicare delle citazioni di personaggi illustri su un certo argomento, aiuta a far conoscere la tua pagina Facebook. Per una maggiore coerenza di contenuti, il mio consiglio è quello di condividere citazioni che c’entrano con la tua attività.

Un’idea alternativa è quella di creare tu stesso una serie di citazioni, legate ai tuoi valori e al tuo lavoro.

6. Recensioni e complimenti

Dire al tuo pubblico che le persone si sono trovate bene con te le aiuta a farti scegliere. In base al tipo di impostazione della tua pagina Facebook, può esserci o meno lo spazio delle recensioni. Se non ce l’hai o ce l’hai ma vuoi dare evidenza a qualche feedback in particolare, puoi farlo. Ad esempio:

  • fai lo screenshot di porzioni di email dove dei clienti si complimentano con te (occhio a non far vedere informazioni sensibili);
  • condividi le recensioni scritte sul tuo sito o su piattaforme complementari come TripAdvisor;
  • crea una linea di post a tema, come fa Gioia Gottini.

7. Rubriche

All’interno della tua pagina Facebook puoi creare delle rubriche, degli appuntamenti fissi per far affezionare i lettori a te.

Le rubriche possono essere di vario genere: se lavori nel mondo food, puoi condividere una volta alla settimana la tua lista della spesa con rimandi alle tue ricette; se il tuo lavoro ha a che fare con il turismo, puoi consigliare ai tuoi lettori cosa fare nel weekend in una determinata destinazione.

Oppure: hai una sezione faq sul tuo sito e vuoi dare maggior rilievo a queste informazioni? I tuoi clienti ti fanno domande sempre la stessa identica domanda? Scegli un giorno in cui pubblichi la risposta ad una domanda frequente che ti viene fatta.

Ad esempio, sulla pagina Facebook della Rete al Femminile di Biella, abbiamo creato una rubrica che s’intitola “Lo sai che?”, dove noi blogger a turno diamo consigli utili per chi è agli inizi della sua attività online.

8. Giochi/passatempo

I quiz divertono, sono leggeri e sono un tipo di contenuto che piace alle persone. In passato Zandegù ogni venerdì chiedeva ai suoi fan di indovinare il titolo di un libro dal testo di una pagina interna, Pennamontata invece ha creato un gioco creativo intitolato “Dammi un nome”, che consiste nell’inventare il naming di un prodotto strambo.

9. Presentazioni

Hai partecipato ad un evento e hai preparato delle slide fighissime? Caricale su Slideshare e condividile su Facebook.

10. Domande e sondaggi

Fare delle domande sul tuo lavoro, condividere delle riflessioni che stimolino il confronto, sono utili per avere informazioni sulle preferenze del tuo pubblico e sui suoi bisogni. Conoscerli ti aiuterà a creare un servizio migliore. Un esempio: sei indeciso se organizzare un corso in settimana o nel weekend? Stai arredando il nuovo ufficio e sei indeciso sul colore delle pareti? Ti è capitato di ricevere una richiesta di lavoro buffa via email e non sai se sei l’unico? Chiedilo alle persone che ti seguono.

11. Newsletter

Se hai una newsletter periodica, è una buona idea inserire in calendario editoriale dei post che ricordino al tuo pubblico di iscriversi. Ti aiuterà a incrementare, piano piano, la tua lista di contatti.

Puoi pubblicare il post a ridosso dell’invio, con una frase come questa: “Domani mando la mia newsletter, parla di luci e di atmosfere scandinave. Se non vuoi perdertela, iscriviti qui: link”.

Cosa pubblicare su Facebook, è tutto chiaro?

Bene, è arrivato il momento di salutarci per oggi: ora che sai cosa pubblicare su Facebook spero che la tua pagina diventi ancora più bella ed interessante.

Alla prossima settimana 🙂

 

michele comin

Silvia Sola - Si scrive sempre pensando a qualcuno, altrimenti stai solo riempiendo un foglio bianco.